Consip le incredibili dichiarazioni del pm Musti

Consip le incredibili dichiarazioni del pm Musti

Per il pm Lucia Musti tutta l’informativa del Noe era sbagliata. Dure accuse contro Scafarto e Ultimo

Musti: “Quei due sono veramente dei matti”

Le parole della Musti

Quei due sono veramente dei matti. Abbiamo fatto bene a liberarcene subito, Le loro intercettazioni? Fatte coi piedi. Le informative?Roba da marziani”,con queste affermazioni la pm Musti attacca Ultimo e Scafarto di fronte al Csm. Stiamo parlando di luglio 2017 ma solo a settembre Scafarto sarà messo sotto inchiesta.” Mi è venuto un colpo, perché ho detto “uno più uno fa due, finalmente l’hanno preso”, punto, fine. Perché il modo di fare di questo capitano era assolutamente spregiudicato, ma non solo il suo, anche quello del colonnello che lo comandava allora, De Caprio”, continuò la Musti

L’incredibile informativa

Erano due Dvd e non avevano alcuna forma di particolare cautela, assolutamente no. Non c’erano dei sigilli ripeto, io non ho mai visto un’informativa così, perchè si entra subito nel merito. Cioè comincia subito a raccontare i fatti. Quelle a cui ero abituata io, per vent’anni, avevano scritti gli indagati e i reati”. Musti sta parlando al Csm dell’informativa ricevuta dal collega Woodcock su gli atti di Cpl Concordia. Poi a complicare le cose la fuga di notiziw e la famosa telefonata bomba tra il generale Adinolfi e l’ex premier Renzi. “Mi sembravano molto spregiudicati, con un delirio di onnipotenza, soprattutto il colonnello e il capitano, perché poi c’era questo maggiore De Rosa che mi sembrava più equilibrato, ma gli altri due erano veramente matti. Scusi, matti no, erano esagitati, non mi piaceva neanche il rapporto con l’autorità giudiziaria che avevano, perché a me avevano detto: “Dottoressa, lei se vuole ha una bomba in mano, lei se vuole può far esplodere la bomba”, accusa a questo punto Musti che vide la stessa esagitazione  anche quando Scarfato ha parlato del caso Consip. “Lui mi ha parlato del caso Consip, un modo di fare secondo me poco serio, perché un capitano, un maresciallo, un generale sono vincolati al segreto col loro pm, non devi dire a me che cosa stai facendo con un altro. Quindi, quando lui faceva lo sbruffone dicendo che sarebbe “scoppiato un casino”, io dentro di me ho detto “per l’amor di Dio”ì. Una persona seria non viene a dire certecose, quell’ufficiale non è una persona seria”,,ha detto la Musti a proposito dell’ultimo incontro con Scafarto