Sotto copertura, la cattura di Michele Zagaria sotto forma di fiction

Sotto copertura, la cattura di Michele Zagaria sotto forma di fiction

In onda dal 16 ottobre, la nuova serie di Sotto Copertura racconterà la cattura di Michele Zagaria, il feroce boss dei casalesi

Sotto Copertura, nel ruolo del boss Alessandro Preziosi

Sotto Copertura

Dopo la prima serie dedicata Antonio Iovine , Sotto Copertura in queste nuove quattro puntata si soffermerà sulla cattura di Michele Zagaria, feroce boss dei casalesi. Nel cast della fiction, tra gli altri, Claudio Gioè , Simone Montedoro , Bianca Guaccero e Alessandro Preziosi che nella serie interpreta proprio lo spietato boss, “Più che provare paura mi sono impressionato a rivedermi scena per scena. Ma anche qui è una questione di mestiere. Qui sono entrato in un personaggio reale, non letterario, attraverso il quale si legittima il male con tutte le sue connivenze. Pare che veramente dica io ti proteggo, ti do sostegno e ti faccio credere che se mi segui, segui le mie regole, non sbagli. Ma da qui a farlo diventare un personaggio affascinante ce ne passa. L’unica fascinazione può essere rprodotta dai suoi tempi lenti, dalla sua astuzia, ma a nessuno verrebbe in mente di dire: ma quanto è figo Zagaria… Il boss, infatti, si mostra invece nella sua solitudine, misera, e svela il suo fallimento relazionale”, ha detto Preziosi a proposito del suo personaggio

Il pericolo di emulazione

Come nel caso di Gomorra, anche in questo si è parlato del pericolo di emulazione che suscita la rapprentazione di personaggi e storie criminali sul piccolo schermo riaccendo polemiche già suscitate in passato. “Ma da chi vengono emulati? Dai cosiddetti “capuzzielli”, dai microdelinquenti di strada? La tv non è certo colpevole delle mancanze della nostra società che non fa nulla perché non esistano certi fenomeni. Siamo vittime che annaspano dentro a delle voragini sociali in cui si fanno strada il contagio e la contaminazione con il peggio, con il loro (e il nostro) lato oscuro. E io e lei non possiamo far niente, anche perché non riusciamo a far rete”, ha fatto sapere Preziosi scongiurando qualsiasi polemica