Crespelle di ricotta di pecora e spinaci

Crespelle di ricotta di pecora e spinaci

Le crespelle sono leggere e sostanziose nello stesso tempo. Ottime per servirle a cena con amici esigenti.

Crespelle: la noce moscata le dona un tocco di classe

Ricotta di pecora e noce moscata

La ricotta è considerata un latticino, non un formaggio, perché  è ottenuta dal siero del latte. Per il suo basso contenuto di calorie può essere consumata da adulti, bambini e anziani, Essa è ricca di calcio,  vitamine e proteine necessarie al fabbisogno umano. La sostanziale differenza tra ricotta di pecora e di mucca risiede nel tipo di latte utilizzato che si ripercuote nel sapore.  Quella ovina  risulta più grassa e quindi  più gustosa, mentre la ricotta di mucca è meno calorica e  più leggera. La noce moscata è una spezia di origine indonesiana e utilizzata sovente nell’enogastronomia. Essa  possiede diverse proprietà benefiche, afrodisiache e curative, soprattutto antiossidanti utili alla salvaguardia della salute.

Ingredienti e preparazione

300 ml latte – 150 gr farina “00” – 1 uovo – 300 gr di spinaci già puliti – 300 gr ricotta di pecora – 100 gr formaggio grattugiato(pecorino e parmigiano) – noce moscata – sale – pepe  e burro q-b. In una zuppiera mettere la farina, fare un incavo nel mezzo e rompervi l’uovo, aggiungendo un pizzico di sale. Sbatterlo e assorbire  la farina con l’aggiunta graduale del latte. Lavorare bene affinché la pastella risulti omogenea e tenerla da parte. Lavare e scottare gli spinaci in pochissima acqua, strizzarli e tagliarli sottilmente. Passarli in padella con una noce di burro e un pizzico di sale. Lavorare la ricotta con 3/4 del formaggio grattugiato, pepe e noce moscata q.b. Infine, aggiungere gli spinaci e amalgamare il tutto. Ungere con un pezzo di burro, leggermente su tutta la superficie, una padella antiaderente di 20 cm di diametro, appena calda. Rimetterla sul fuoco e versarvi un mestolo di pastella. Muovere l’utensile in modo che la crespella si stenda bene su tutto il fondo. Cuocere a fuoco lento finché essa appaia dorata sotto. Girarla e cuocerla dall’altra parte. Appena cotta, farla scivolare su carta da forno, pronta per il ripieno. Con gli ingredienti della ricetta si dovrebbero ottenere 6 crespelle. Suddividere il ripieno su ciascuna crespella, modellandolo a forma di cilindro. Arrotolarla, fermarla con uno stuzzicadente e poggiarla su una pirofila imburrata. Mettere su ogni pezzo un fiocchetto di burro,  spolverizzare il rimanente formaggio grattugiato e scaldare in forno a 180° per 5-6 minuti. Buon appetito con vino bianco a piacere.

Nonna Maria