Emergenza incendi: arrestato un piromane nel Parco Nazionale del Cilento

Emergenza incendi: arrestato un piromane nel Parco Nazionale del Cilento

Mentre l’emergenza incendi colpisce tutta la penisola, a Teggiano, in provincia di Salerno, un ventiquattrenne di origini romene è finito in manette per aver appiccato il fuoco in una zona del Parco Nazionale del Cilento

L’emergenza incendi sembra non dare tregua al nostro Paese: roghi e  fiamme continuano da giorni a mandare in fumo centinaia di etteri di macchia mediterranea in tutta la penisola. Colto in flagranza di reato, un ventiquattrenne di origini romene è finito in manette per aver appiccato il fuoco ad alcune sterpaglie a ridosso di un oliveto nei pressi di un complesso di abitazioni, vicino Salerno. Accusato di incendio di area boschiva ricadente nel Parco Nazionale del Cilento, Alburni e Vallo di Diano, il piromane è stato notato da un carabinieri fuori servizio che, insospettito, lo ha seguito, facendo scattere l’allarme. In seguito all’emergenza incendi che negli ultimi giorni ha distrutto centinaia di ettari di macchia mediterranea nelle zone di Atena Lucana, Auletta, San Rufo, Sassano e Teggiano, continuano incessantemente i controlli delle forze dell’ordine.

Emergenza incendi: malore in Toscana per un vigile del fuoco

Si sarebbe sentito male durante le operazioni di spegnimento di un incendio in Toscana un pompiere di 55 anni. Secondo quanto riportato dal 118 di Pistoia, l’uomo, in servizio da più di 20 ore continuative, sarebbe stato trasportato in ospedale in codice rosso. Dimesso dopo i dovuti accertamenti, il vigile del fuoco è ora in buone condizioni di salute. Il comando regionale dei vigili del fuoco ha spiegato che, in caso di emergenze, l’orario di lavoro dei pompieri può raggiungere le 24 ore consecutive.

Emergenza incendi: il fuoco colpisce anche la Capitale

Un grande incendio di sterpaglie sarebbe divampato nella notte sulla via del Mare, all’altezza di Vitinia, a sud di Roma. Sul posto hanno lavorato per ore ben tre squadre di vigili del fuoco e numerose pattuglie di polizia sono intervenute per ristabilire la viabilità. Per consentire le operazioni di spengimento la via del Mare, da via dell’Ippica al sottopasso di Acilia, è stata chiusa in entrambi i sensi di marcia fino alle 7 di questa mattina. Tra le zone colpite dal fuoco nella notte troviamo anche Cerveteri, il lago di Martignano, Anguillara, Ostia e Civitavecchia.