Giornata mondiale del sonno: “Preserva il mondo del sonno, i tuoi ritmi e godi della vita”

Giornata mondiale del sonno: “Preserva il mondo del sonno, i tuoi ritmi e godi della vita”

Dormire bene non è solo importante ma necessario per assicurare il nostro benessere psico fisico e limitare il rischio di alcune patologie. Oggi 16 marzo è la giornata mondiale del sonno, quale ricorrenza migliore per ricordare poche e semplici regole

 “Preserva il mondo del sonno, i tuoi ritmi e godi della vita”, questo è lo slogan della giornata mondiale del sonno,  organizzata dalla World Sleep Society, quest ‘anno focalizzata sui disturbi dell’alternanza sonno veglia.

Giornata mondiale del sonno: “Preserva il mondo del sonno, i tuoi ritmi e godi della vita”

Dormire poco e spesso male è un problema molto comune nel mondo: più del 40% della popolazione globale riposa meno del necessario. La maggior parte sono i ragazzi nell’età dell’adolescenza che spesso a causa delle loro abitudini tardano sempre di più l’orario del riposo notturno. Dormire scorrettamente significa avere dei disturbi del ritmo sonno-veglia, o ritmo circadiano, ossia il nostro orologio biologico interno che regola l’alternanza fra riposo e periodi di attività.

Per riposare bene e cambiare la qualità del sonno è importante seguire poche e semplici regole. La prima è quella di non lasciare nulla al caso ed imparare ad essere regolari. E’ necessario fissare un orario preciso per andare a letto e per svegliarsi la mattina. Il secondo è quello di trattenersi dal bere alcolici poco prima di coricarsi o berne limitatamente le quattro ore prima del riposo notturno. Anche il terzo è legato all’alimentazione: evitare il caffè e tutte le bibite che contengono la caffeina almeno sei ore prima di dormire. A cena prediligere cibi leggeri per favorire la corretta digestione e un buon riposo, cercare di evitare i dolci nelle quattro ore prima di coricarsi.

Il quarto suggerimento è per chi ha la possibilità di concedersi una piccola pausa nel pomeriggio. Il cosiddetto “riposino” non è casualmente un diminutivo, è sconsigliabile dormire più di 45 minuti. Bastano 20 minuti per recuperare la lucidità e godersi a pieno il pomeriggio. Il quinto è un consiglio per l’allenamento fisico, elemento importantissimo per un corretto stile di vita ma da evitare poco prima di andare a letto. Attenzione anche alla temperatura nella camera da letto: mai troppo elevata, inoltre l’aria dovrebbe essere sempre un minimo ventilata. In ultimo gli esperti consigliano di non usare il letto come “ufficio”: riservalo come spazio associato all’intimità e al riposo. Anche questi piccoli suggerimenti possono fare la differenza.