La storia di Wang Manfu: percorre 4 chilometri al gelo per arrivare a scuola

La storia di Wang Manfu: percorre 4 chilometri al gelo per arrivare a scuola

Le immagini del piccolo Wang Manfu, costretto a percorrere quattro chilometri al gelo per raggiungere la propria scuola, hanno fatto il giro del mondo e puntano i riflettori sulle condizioni di povertà e disagio vissute in alcune zone della Cina

Si chiama Wang Manfu e ha solo 10 anni il bambino la cui foto è divenuta virale in questi giorni, diffondendosi in tutta la Cina e in seguito in tutto il mondo. A condivdere lo scatto che ritrae Wang Manfu con i capelli ghiacciati e le mani piene di geloni dopo aver percorso a piedi 4 chilometri a 9 gradi sotto zero per raggiungere la sua scuola è stato Fu Heng, preside della scuola elementare Zhuanshanbao. Il docente ha deciso di convidere la foto del piccolo Manfu per denunciare sui social media cinesi le condizioni di difficoltà dell’istituto, situato nella contea di Ludian, nello Yunnan, in una zona rurale della Cina.

Wang Manfu e i “lioshou” della Cina

Mi sono reso conto di aver dimenticato cappello e guanti quando ormai ero arrivato a metà strada…” ha spiegato Wang Manfu in un’intervista. Il piccolo, il cui nome significa letteralmente “Pieno di felicità”, sogna di poter un giorno frequentare l’università e diventare poliziotto. Figlio di genitori costretti a emigrare per trovare lavoro, il bambino vive con la nonna e con la sorella maggiore in una casa senza riscaldamento, situata in un piccolo paesino di campagna. Definiti “lioshou“, letteralmente “lasciati indietro“, sarebbero oltre 17 milioni i bambini costretti a vivere in situazioni di disagio e povertà in Cina.

La scuola di Wang Manfu

Dal 2013 stiamo cercando di migliorare le condizioni della scuola, della mensa e del cortile dove i ragazzi vanno a giocare ma non siamo in grado di tenere al caldo i bambini perché non abbiamo abbastanza soldi per il riscaldamento” ha spiegato il preside della scuola. La condivisione della foto del piccolo ha dato vita a una vera e propria gara di solidarietà da parte di varie associazioni di volontariato dello Yunnan che sono riuscite a raccogliere circa 100mila Renminbi (15mila dollari) in pochi giorni e altri 300mila Renminbi sono stati inviati in sostegno alla scuola nelle ultime ore.

Photo Credits: www. rainews.it