Lampedusa chiude le porte.Il sindaco non  vuole l’Hotspot

Lampedusa chiude le porte.Il sindaco non vuole l’Hotspot

Scende in campo il nuovo sindaco di Lampedusa Marcelllo che chiede la chiusura dell’Hotspot vedendo l’isola allo stremo

Lampedusa; Marcello: “Basta migranti, chiudere l’Hotspot

La chiusura di Lampedusa

Minacce, molestie, furti. Lampedusa è al collasso e le forze dell’ordine sono impotenti.Chiedo che venga chiuso l’hotspot, una struttura inutile che non serve a niente»” afferma il nuovo sindaco di Lampedusa Marcelllo. “Nel centro ci sono 180 tunisini molti dei quali riescono tranquillamente ad aggirare i controlli: bivaccano e vivono per strada. I bar sono pieni di tunisini che si ubriacano e molestano le donne. Ricevo decine di messaggi di turisti impauriti. Gli albergatori, i commercianti e i ristoratori subiscono quotidianamente, non ce la fanno più”, continua il primo cittadino dell’isola da sempre porta del Mediterraneo, “per due volte un fruttivendolo che si trova davanti alla stazione dei carabinieri ha subito il furto di fiaschi di vino. Ci sono furti continui nelle botteghe di abbigliamento e di alimentari, molestie nei confronti dei turisti. Se non si è grado di gestire questa situazione, poiché molti di questi sono delinquenti, che vengano messi in carcere”

La polemica

A Marcello ha rispost l’ex-sindaco premio Unesco per la pace Nicolini parlando di “terrorismo” e di “isola piena di turisti”. “Ammetto però la riapertura di un flusso di migranti dalla Tunisia, dopo la chiusura della rotta libica.«Quelli che si trovano nell’hotspot sanno di dover essere rimpatriati, il vero problema è evitare di trattenerli a lungo nell’isola”, ha confermato la Nicolini. Accanto a lei il parroco di Lampedusa, don Carmelo La Magra. Sono sorpreso, io vedo un’isola vivibilissima, tranquilla e piena di turisti-l sindaco avrà carte e dati alla mano perché se è vero quel che denuncia sarebbe grave. Ma io non vedo il minimo problema”, ha fatto sapere il prete. Fatto sta che Marcello aveva già proposto barriere contro i migranti durante la sua campagna elettorale operando prima un distinguo sull’Hotspot di Lampedusa ora chiedendone la chiusura