Le proprietà del fico d’india, i consigli di bellezza e benessere per il fine settimana

Le proprietà del fico d’india, i consigli di bellezza e benessere per il fine settimana

Una pianta grassa che decora le terre mediterranee. Gli italiani l’associano principalmente alla Sicilia dove si alterna ad agrumeti profumati ma dona in tutte le regioni calde frutti succulenti

La natura sa sempre come stupirci: anche con un cactus spinoso e all’apparenza ostile ci regala dei frutti colorati e dolcissimi. Stiamo parlando dei fichi d’India, le gemme della natura mediterranea ricchissime di proprietà benefiche per il nostro organismo.

Origine e proprietà del fico d’India

Il Opuntia ficus indica è una pianta grassa e appartiene alla famiglia delle Cactaceae. Noi lo associamo immediatamente alla Trinacria e alle zone del Mediterraneo, terre baciate dal sole e accarezzate dalla brezza marina. Il fico d’India è in realtà originario del Messico e venne importato nel continente europeo da conquistatori spagnoli. Nel bacino del mare nostrum trovò un habitat ideale. Questa pianta si adatta facilmente ai climi caldi e aridi e necessita di pochissima acqua per sopravvivere. In natura raggiunge un’altezza di circa tre metri e i suoi frutti sono dolci e ricchi di proprietà per il nostro benessere. Contengono sali minerali come potassio, magnesio, calcio, fosforo, sodio, rame, zinco, selenio, ferro e vitamine A, del gruppo B e C.

I frutti del fico d’India sono benefici per la salute del fegato e hanno la capacità di proteggere la mucosa gastrica grazie alla presenza di mucillagine. Questa preziosa sostanza permette di accelerare la rigenerazione della mucosa gastrica e contrasta le gastriti e le infiammazioni. Questi frutti del benessere hanno proprietà depurative per l’intestino e favoriscono l’espulsione dei calcoli renali e l’eliminazione dei liquidi. Sono digestivi e aiutano a regolare l’equilibrio intestinale perché ricchissimi di fibre e ne rigenerano la flora. Per questa ragione vengono inseriti anche nelle diete dimagranti.

I fichi d’India sono ricchi di ferro, fosforo e calcio e aiutano a prevenire l’osteoporosi. Ideali per tenere sotto controllo il colesterolo cattivo e ripristinare le energie evitando picchi glicemici. La presenza di mucillagini, pectina e xilosio riesce a regolare i livelli di zucchero nel sangue. Un frutto adatto anche alle persone diabetiche. Con la polpa dei fichi d’india è possibile preparare uno sciroppo per la tosse. Basta sbucciare e tagliare qualche frutto a pezzetti, ricoprirli di zucchero di canna e lasciare riposare il tutto per una giornata intera. Cuocere il composto a fuoco basso sino a sciogliere la polpa. Per beneficiare al massimo del preparato si consiglia di assumere ancora caldo.

Per la bellezza

Il fico d’india è un rimedio naturale per la gola nella stagione fredda e per la pelle in quella calda. La sua polpa diventa una maschera da applicare sul viso. Un elisir per l’epidermide e un valido rimedio dopo l’esposizione al sole grazie alla presenza di mucillaggini e sostanze idratanti che la rendono radiosa e nutrita. E’ inoltre un frutto depurativo che stimola la diuresi e facilita l’eliminazione delle tossine nell’organismo e i liquidi in eccesso. Aiuta la crescita di unghie e capelli e si consuma senza pensieri, 100 grammi contengono solo 53kcal.