Londra: continua la follia omicida

Londra: continua la follia omicida

Un furgone ha falciato diversi pedoni nelle vicinanze della Moschea di Finsbury Park. Continua la follia omicida a Londra dopo l’ìncendio della Grenfell Tower

Londra, la premier May convoca il consiglio di sicurezza

Londra, l’attentato di Finsbury

Otto feriti e almeno un morto questo il bilancio della follia che si abbattuto su Londra. Il capoluogo inglese sconvolto dai fatti del terribile incendio della Grenfell Tower, si ritrova ancora senza pace. £Stavolta però non si tratta di terrorismo islamico come nel caso del ponte di Londra ma di islamofobia.!Urlava “ucciderò tutti i musulmani, ucciderò tutti i musulmani”. E lanciava pugni. E quando siamo riusciti a metterlo a terra diceva: “Uccidetemi, uccidetemi”, ha raccontato  un testimone parlando dell’attentatore che si sarebbe fiondato sulla folla inerme con un furgone nei pressi della moschea di Finsbury. L’uomo secondo i testimoni è un inglese. La comunità islamica londinese ha parlato di un duro attacco islamofobico

La May e il consiglio di sicurezza

La premier May, dopo i fatti di Finsbury ha parlato di un probabile attentato terroristico ma la tensione della comunità islamica è salita si teme un possibile doppio giudizio rispetto agli attentati precedenti in quanto si tratta di un attentato contro mussulmani. “È terrorismo sia se le vittime sono cristiane, sia se sono musulmane”, fanno sapere dalla moschea. Quello che è certo è che questo evento ha messo ancora di più sottopressione la May che deve fare i conti con una folla inferocita dalla 30 vittime e dai 58 dispersi causati dall’incendio della Grenfell Tower. Il suo governo appare sempre di più fragile di fronte alla follia che imperversa a Londra dove altri già citato incendio ci sono già stati altri attentati tutti commessi da auto mobilizzi ipazziti. L’ultimo fa ancora più paura in quanto scatenato probabilmente dalla pazzia xenofoba che sembra presagire una volta assurda di rispondere alla violenza con la violenza