Massacra la fidanzata e si uccide credendola morta: il tragico gesto al termine di una lite per gelosia

Massacra la fidanzata e si uccide credendola morta: il tragico gesto al termine di una lite per gelosia

Un 25enne di Cagliari si è ucciso lanciandosi da un cavalcavia dopo aver picchiato a sangue e ridotto in fin di vita la sua fidanzata, svenuta dopo una violenta lite per motivi di gelosia

Un 25enne di Cagliari si è tolto la vita lanciandosi nel vuoto da un cavalcavia nei pressi dello stadio Sant’Elia. Il giovane avrebbe picchiato violentemente la fidanzata durante una violenta lite per motivi di gelosia. Credendola morta in seguito a uno svenimento, il ragazzo, preso dal panico, è fuggito. Salito sul cavalcavia che da via Schiavazzi porta al Sant’Elia si è quindi lanciato nel vuoto, suicidandosi. A far scattare l’allarme è stato il custode del nuovo stadio del Cagliari, in costruzione proprio accanto alla vecchia struttura.

Massacra la fidanzata e si uccide credendola morta: la dinamica della tragedia

La fidanzata del suicida, 26enne di Assemini, è ora ricoverata all’ospedale Brotzu in coma farmacologico. La polizia sta lavorando per ricostruire i dettagli del tragico episodio di violenza e in queste ore sta sottoponendo a interrogatorio conoscenti e parenti della coppia. I due giovani, insieme da circa quattro anni, giovedì sera erano usciti con una comitiva di amici e avevano trascorso la serata in centro a Cagliari. Secondo alcune testimonianze, i giovani avrebbero cominciato a discutere per motivi di gelosia già durante la serata trascorsa in giro per locali. Poco prima delle 3 la giovane avrebbe detto agli amici che si sarebbe allontanata per accompagnare a casa il fidanzato, per poi tornare da loro e proseguire la serata.

Massacra la fidanzata e si uccide credendola morta: l’estremo gesto

La Lancia Y della ragazza avrebbe raggiunto i parcheggi dello stadio in piena notte. Lì sarebbe scoppiata la violenta lite che avrebbe portato il giovane a massacrare di botte la fidanzata. La ragazza sarebbe quindi svenuta a terra dopo essere stata colpita ripetutamente al volto. Preso dal panico, il compagno della donna, probabilmente convinto di averla uccisa, è fuggito in direzione del cavalcavia per compiere l’estremo gesto. Sul posto sono immediatamente arrivati i soccorsi del 118 e le forze dell’ordine. La giovane è stata trasportata in ospedale mentre a nulla sono valsi i tentativi di rianimare il 25enne suicida.

Photo Credits:  www.sardiniapost.it