Tra Natura e Cultura: a cavallo sulla via di Francesco

Tra Natura e Cultura: a cavallo sulla via di Francesco

La “via di Francesco”: da settembre ecco inaugurata la prima “Ippovia”. In sella per un turismo sostenibile. Tra natura, arte, cultura e religione.

La Via di Francesco, è una via che permette di attraversare l’Umbria da nord a sud e prosegue poi verso la Valle Santa di Rieti e raggiunge infine la tomba dell’apostolo Pietro a Roma. Da settembre questa via che turisti e pellegrini percorrono a piedi avrà la sua prima “Ippovia”.

La Via di Francesco ora ha la sua prima Ippovia

I pellegrini che percorrono la “Via di Francesco’ ora possono salire in sella: nasce la prima Ippovia di questo lungo cammino. Il percorso a cavallo – la Ippovia – è un sentiero lungo 50 chilometri del cammino che si percorre dal Santo fino a Gubbio. La realizzazione di questo percorso destinato a turisti e pellegrini a cavallo è realizzato da Sviluppumbria insieme a 4 comuni umbri con la volontà di ampliare nel tempo questo cammino a cavallo ad altre tratte della via. Per informazioni sul percorso a cavallo si può contattare l’Ufficio pellegrinaggi della Diocesi di Gubbio. Per maggiori informazioni e per trovare i numeri utili si può visitare ad esempio il sito: http://www.ilsentierodifrancesco.it/

Un percorso per Cavalli e Cavalieri

Un cammino sui passi di San Francesco d’Assisi attraverso il cuore d’Italia, l’Umbria, la Toscana e il Lazio. Verso uno sviluppo di un turismo sempre più sostenibile, ecco la prima ippovia. Sul percorso “in sella” sarà possibile trovare tutti i servizi necessari per cavalli e cavalieri: dai punti di ristoro ai veterinari. Il percorso a cavallo avrà una segnaletica per identificare il livello di difficoltà del percorso – da molto facile a molto difficile – e le specifiche come il tempo di percorrenza o la presenza di guadi. Il percorso sarà molto suggestivo, sia per motivi culturali e relegiosi che dal punto di vista naturalistico. Alla fine della ippovia, anche i cavalieri avranno il loro attestato di fine cammino.

Photo Credit: Flickr @ Eduardo Amorim