Sarahah: l’applicazione creata per inviare messaggi anonimi conquista milioni di giovani in tutto il mondo

Sarahah: l’applicazione creata per inviare messaggi anonimi conquista milioni di giovani in tutto il mondo

Sarahah, l’app studiata nata per inviare messaggi anonimi, è diventata l’applicazione più scaricata in 25 Paesi e ha conquistato milioni di giovani in tutto il mondo

Dall’arabo “onestà“, un’onestà nascosta dietro l’anonimato, l’applicazione Sarahah è stata ideata nel 2015 dallo sviluppatore saudita Zain al-Abidin Tawfiq, nel tentativo di creare comunicazioni sincere tra dipendenti e datori di lavoro. Nata originariamente come sito, la piattaforma è divenuta un’applicazione nel giugno scorso, divenendo un vero e proprio fenomeno virale tra i giovanissimi, soprattutto negli Stati Uniti.

Sarahah: l’app più scaricata in 25 Paesi

Utilizzata anche in contesti extra-lavorativi, Sarahah sarebbe, secondo i dati raccolti dal Financial Times, “l’app più scaricata in 25 Paesi, con 15 milioni di utenti registrati e 5 milioni di download“. Il successo dell’applicazione, che permette di cercare altri utenti e inviare loro messaggi anonimi senza possibilità di ricevere risposta, dimostra la richiesta sempre crescente di comunicazione anonima soprattutto per via del dilagare di social network poco attenti al rispetto della privacy.

Sarahah: il rischio bullismo

Il grande rischio legato alle app anonime come Sarahah, è quello di bullismo e cyberbullismo, fantasmi del web sempre all’agguato in rete. Mentre la piattaforma si raccomanda con gli utenti di postare commenti costruttivi, in molti si domandano, preoccupati, se l’applicazione diventerà un ritrovo di troll. Nata per fornire uno strumento ai dipendenti bisognosi di esprimere giudizi onesti sui propri datori di lavoro, l’applicazione rischia di diventare un ritrovo di bulli da tastiera e non è poi una novità.  Piattaforme simili come Ask.fm, Yik Yak e Whisper, infatti, nel tempo non hanno sfondato. Il boom di Sarahah, in realtà, sarebbe legato anche alla possibilità di inserire link nei post di Snapchat e di ricondividere i commenti ricevuti su altri social network.

Photo Credits: www.ilgazzettino.it