Scrittori americani: i premi Nobel della letteratura (e non solo)

Scrittori americani: i premi Nobel della letteratura (e non solo)

Dopo Philip Roth, John Updike e Stephen King, di seguito le generazioni di scrittori americani che hanno saputo rivitalizzare la scrittura moderna

Con 11 premi Nobel, la letteratura degli Stati Uniti del secolo scorso è stata caratterizzata da una grande forza e uno stile a dir poco originale. Dagli scrittori americani della cosiddetta generazione perduta (come Ernest Hemingway, William Faulkner e John Steinbeck), ai più attuali come Toni Morrison, tutti hanno lasciato un segno importante. Il XXI secolo, infatti, sembra essere destinato ad avere opere di analoga importanza, come testimoniano i libri di scrittori americani che rivediamo in basso.

Scrittori americani

Scrittori americani: i premi Nobel della letteratura (e non solo)

Scrittori americani: “Il complotto contro l’America” di Philip Roth – Se c’è una voce potente, una voce che critica furiosamente, ma che rientra all’interno della corrente narrativa americana, è senza dubbio quella di Philip Roth. Questo romanzo parte con un approccio alternativo della storia, basato su una situazione reale, ma non molto conosciuta dal grande pubblico: la simpatia di Charles Lindbergh, l’eroe dell’aviazione americana, per la causa nazista. Da questa premessa, Roth immagina un passato alternativo, in cui Lindbergh si presenta come candidato repubblicano per le elezioni presidenziali americane del 1940, sconfiggendo Franklin Delano Roosevelt e attuando una politica in accordo con Hitler, portando alla persecuzione degli ebrei americani.

Scrittori americani: il premio Nobel per la letteratura a Toni Morrison – Autore americano, Toni Morrison, il cui vero nome è Chloe Wofford Ardelia, è noto per i suoi romanzi i cui temi fondamentali riguardano la situazione contemporanea degli afro-americani nella società negli Stati Uniti. Per il suo lavoro gli è stato riconosciuto sia il Premio Pulitzer per il romanzo “Sula” che il Premio Nobel per la Letteratura, assegnatogli nel 1993.

Scrittori americani: Il candidato al premio Nobel per la Letteratura John Updike – Osservatore meticoloso della realtà, i personaggi dei suoi romanzi sono prototipi della società del paese per il quale in qualche modo sente compassione. I capolavori accolti dalla critica di questo scrittore americano candidato più volte al premio Nobel sono “Villaggi” pubblicato nel 2004 e “Terrorista” pubblicato nel 2006.

Scrittori americani: il grande Re del Brivido Stephen King – Con una carriera che dura da più di 40 anni e più di 400 milione di copie vendute delle sue oltre 50 opere letterarie, Stephen King rappresenta un’icona della letteratura horror. Il suo metodo descrittivo combinato con la sua grande capacità di mettere in evidenza gli aspetti più inquietanti della vita quotidiana, gli hanno reso il titolo di Re del Brivido. Nato a Portland, nel Maine, nel 2003 ha ricevuto il National Book Award alla carriera e il contributo alla letteratura americana.

Fonte immagine: Drew Coffman