Stile japandi, l’arredo di tendenza dell’inverno

Stile japandi, l’arredo di tendenza dell’inverno

Un dono della sintesi e della raffinatezza composta, uno stile come incontro di due culture, distanti ma al contempo vicine nel concepire gli spazi con l’essenzialità delle linee

Lo stile japandi è la tendenza dell’arredo interni dell’ autunno inverno 2017 2018. Dopo l’opulenza animalier, i retaggi roccocò e le ispirazioni marinare dell’estate ormai passata, la casa si trasforma in un luogo della serenità partendo proprio da un arredo che non soffoca ma ritempra e rilassa nella semplicità delle sue forme.

Stile japandi, l’arredo di tendenza

Il minimalismo viene interpretato da due culture molto diverse e si propone in un’unica proposta per la casa e per le esigenze del vivere moderno. Il rigore degli spazi e la ricerca di materiali naturali sono alla base dello stile japandi, l’arredo che sta già spopolando in tutto il mondo e si confermerà tendenza del living 2018.

Si tratta di un mix tra l’arredo scandinavo e quello giapponese. La cura del design e dell’oggettistica che si rifà al gusto moderno del nord Europa e si svincola dal tradizionalismo nipponico. Il legno è il protagonista assoluto e viene perfettamente mixato tra toni chiari e scuri. Quello più richiesto per le fattezze e tonalità eleganti appartiene alla regina del bosco, la quercia, che si descrive in nuance dark e illuminanti in un equilibrio perfetto. I colori di riferimento di questo stile si ispirano alla natura, oltre alle tonalità del legno non mancano le sfumature del grigio dei minerali, del verde degli alberi e del blu scuro del mare. Il tono di contrasto che spicca con esuberanza raffinata nei contesti japandi è il verde acqua rivelandosi quasi un elemento di decoro negli ambienti più minimal.

Lo stile japandi porta in casa ordine e razionalità. Le cose al proprio posto non sono solo una buona abitudine ma uno stile che detta le regole del gioco. La casa si fa pratica e funzionale, i complementi di arredo estetici prediligono l’artigianalità e valorizzano l’arte povera. I materiali di scarto e di riciclo sono alla base dello stile japandi che non vuole essere solo una proposta per cambiare atmosfera ma anche mentalità. Un’idea virtuosa dove è possibile trovare soprattutto un grande utilizzo del vimini. Immancabili i tatami, omaggio alla “comodità” del Sol Levante.

Uno stile che evoca la natura e il suo rispetto senza rinunciare ai suoi esemplari. Le piante sono dei complementi d’arredo immancabili e i vasi sono rigorosamente minimal e lineari. Japandi è una proposta semplice che trasforma la casa in un ambiente accogliente e incredibilmente confortevole nonostante il suo rigore inconfondibile.