Vent’anni ad Antonio Logli per l’omicidio della moglie Roberta Ragusa

Vent’anni ad Antonio Logli per l’omicidio della moglie Roberta Ragusa

Antonio Logli è stato condannato a 20 anni per omicidio e distruzione di cadavere. L’uomo, accusato di aver ucciso la moglie Roberta Ragusa, scomparsa dalla sua casa nella notte tra il 13 e il 14 gennaio del 2012, è stato interdetto per sempre dalla potestà genitoriale

Secondo il giudice Elsa Iadaresta, che ha accolto le richieste dell’accusa, sarebbe proprio Antonio Logli l’assassino di Roberta Ragusa. Condannato a vent’anni di carcere con rito abbreviato perché colpevole dell’omicidio della moglie e della distruzione del suo corpo, Logli non si è presentato in tribunale. I pm Crini e Mantovani avevano chiesto una pena di 30 anni per l’uomo di Gello, colpevole, secondo l’accusa, di “omicidio volontario oltre ogni ragionevole dubbio“. Grazie al rito abbreviato, richiesto dai difensori dell’uomo Cavani e Sergiampietri, la pena è stata ridotta di un terzo ma Logli sarebbe stato interdetto per sempre dalla potestà genitoriale. Il giudice non ha accolto la richiesta del pm di misura di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’uomo in caso di condanna. Per Logli, infatti, è stato disposto l’obbligo di dimora nei comuni di Pisa e San Giuliano Terme dalle 21 alle 6.

Vent’anni ad Antonio Logli: la misteriosa scomparsa di Roberta Ragusa

A quasi cinque anni dalla scomparsa di Roberta Ragusa, il mistero della morte della donna di Gello sembrerebbe essere finalmente risolto. Secondo il giudice del tribunale di Pisa, infatti,  le prove sulla colpevolezza di Antonio Logli sarebbero più che evidenti. Per la condanna dell’uomo sono state decisive le testimonianze e le ricerce e ricostruzioni sulla vita privata di Logli portate a termine dagli inquirenti. Antonio Logli, in una relazione clandestina con Sara Calzolaio, dipendente della scuola guida di famiglia e babysitter dei figli della Ragusa, avrebbe ucciso la moglie in seguito alla scoperta da parte della donna della sua doppia vita. Secondo le indagini infatti la povera Ragusa avrebbe scoperto i tradimenti del marito e proprio questo sarebbe stato il movente dell’omicidio.

Vent’anni ad Antonio Logli: il supertestimone Loris Gozzi

A dare una decisiva svolta alle indagini, la testimonianza chiave di Loris Gozzi, vicino di casa della vittima che aveva visto, nella notte della scomparsa, un uomo e una donna litigare violentemente in strada. Il racconto, compatibile con le ricostruzioni degli investigatori, avrebbe definitivamente incastrato Antonio Logli.

Photo Credits: www.lanazione.it