Vitamina D: un po’ al giorno toglie il medico di torno

Vitamina D: un po’ al giorno toglie il medico di torno

La vitamina D fa bene al cuore e migliora le prestazioni fisiche

Assumere integratori di vitamina D può abbassare la pressione sanguigna riducendo il rischio di malattie cardiache e migliorare le prestazioni fisiche. Questo quanto dimostrato da una ricerca condotta presso la Queen Margaret University di Edimburgo e presentata alla conferenza annuale di Edimburgo. La vitamina D, che è sia una vitamina che un ormone, aiuta i livelli di controllo di calcio e fosfato nel sangue ed è essenziale per la formazione delle ossa e dei denti. Le maggiori fonti di vitamina D sono i pesci grassi e le uova, ma può essere difficile ottenerne abbastanza attraverso la sola dieta. La maggior parte delle persone, inoltre, genera la vitamina D esponendo la pelle ai raggi ultravioletti e alla luce del sole.

Vitamina D: un po’ al giorno toglie il medico di torno. Oltre al cuore e al fisico riduce anche lo stress – Precedenti studi suggeriscono che la vitamina D può bloccare l’azione dell’enzima 11-βHSD1, che è necessario per produrre il cortisolo, il cosiddetto “ormone dello stress”. Alti livelli di cortisolo possono aumentare la pressione sanguigna restringendo le arterie, i vasi sanguigni e stimolando i reni di trattenere l’acqua. “Il nostro studio pilota suggerisce che l’assunzione di supplementi di vitamina D può le prestazioni fisiche ed avere bassi fattori di rischio cardiovascolare, come la pressione del sangue“, afferma il dottor Raquel Revuelta Iniesta, co-autore dello studio.

Vitamina D: un po’ al giorno toglie il medico di torno. Lo studio – In questa ricerca, gli studiosi della Queen Margaret University di Edimburgo hanno dato a 13 adulti sani, abbinati per età e peso, 50 microgrammi di vitamina D al giorno o un placebo per un periodo di due settimane. E’ stato dimostrato che gli adulti a cui avevano somministrato la Vitamina D avevano una pressione sanguigna più bassa rispetto a coloro a cui avevano dato un placebo, oltre ad avere livelli bassi dell’ormone dello stress, il cortisolo, nelle urine. Inoltre, hanno rilevato maggiori prestazioni fisiche successivamente allo svolgimento di attività fisica da chi l’aveva assunta rispetto a chi invece aveva assunto solamente un placebo.

Fonte immagine: mamichan